33° Lovers Film Festival: al Cinema Massimo dal 20 aprile

Il più antico festival sui temi LGBTQI (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer e intersessuali) d’Europa conserva lo stesso amore per il cinema e la stessa attenzione verso i diritti sessuali, ma presenta quest’anno molte innovazioni: nuove sezioni, come quella proposta dal presidente Giovanni Minerba, dal titolo “5 pezzi facili” che comprende cinque film a tema vario scelti da lui, che accompagneranno il pubblico in un “viaggio cinematografico” denso di emozioni (“Ma vie avec James Dean”, “The Cakemaker”, “A Moment in the Reeds”, “A Graça e a Gloria” e “Montana”); l’inaugurazione di una iniziativa speciale, in collaborazione con il Coordinamento Torino Pride: 4 concetti chiave e per ognuno, un film (Barriere, Reciprocità/Fiducia, Storia/Memoria, Omofobia e Sport); infine, un’attenzione ancora maggiore all’apertura verso un pubblico sempre più vasto.

Quest’anno si potrà nuovamente andare “al cinema con il bebè”: domenica 22 aprile, infatti, verrà proiettato il cartone “Il toro Ferdinando (Ferdinand)”, candidato all’Oscar e ai Golden Globe 2018, che racconta la storia di un toro da corrida, buono e gentile, che preferisce i fiori ai combattimenti.

In controtendenza con un diffuso modo di pensare che considera i bambini e il mondo GLBT due poli distanti e inconciliabili, infatti, Lovers, in collaborazione con Giovani Genitori, Famiglie Arcobaleno e Rete Genitori Rainbow, ospita per il quinto anno consecutivo questa bella iniziativa, che offre tutti i comfort alle famiglie con bambini (fasciatoio, scalda biberon, passeggino parking, merenda, proiezioni con volume ridotto e luci soffuse).

Diretto dalla cineasta Irene Dionisio e presieduto da Giovanni Minerba, il Lovers numero 33 è il numero due volte perfetto, che raccoglie in sé molti altri numeri interessanti: 6 anteprime mondiali, 4 anteprime europee, 52 anteprime nazionali, 81 titoli, 24 nazioni rappresentate, 4 giurie che valuteranno le 4 sezioni in competizione (All the Lovers – lungometraggi, Real Lovers – documentari, Irregular Lovers – concorso iconoclasta internazionale, Future Lovers – cortometraggi), 3 premi speciali (Premio del Pubblico, Premio Milk e Premio Stajano).

La prima anteprima nazionale avverrà prima del Festival, già domani, 10 aprile 2018, alle ore 21.00 presso il Multisala Cinema Massimo, con la proiezione del film, “Happy Prince – L’ultimo ritratto di Oscar Wilde”; l’evento vanterà la presenza di Rupert Everett, interprete e regista della pellicola.

I personaggi di spicco non mancheranno a questa edizione del Lovers: ospite atteso quest’anno sarà Robin Campillo, ultimo vincitore del Gran Prix a Cannes con “120 battiti per minuto”, a cui viene reso omaggio con 4 film, mentre la Madrina d’eccezione del festival, che sarà presente alla serata di chiusura, sarà l’attrice e regista Valeria Golino.

Il 20 aprile e il 24 aprile, giornate di apertura e chiusura del festival, due ospiti musicali d’eccezione: Francesco Gabbani, vincitore del Festival di San Remo 2017 con “Occidentali’s Karma” e vincitore di 5 dischi di platino, e Nina Zilli, che nell’edizione del festival della canzone italiana di quest’anno ha dedicato la sua canzone in gara alle donne vittime di violenza. Sempre il 20 aprile, un dialogo con il regista, attore e conduttore televisivo Pif.

In onore di Xavier Jugelé, membro di “Flag!”, associazione LGBT della polizia e della gendarmeria francese, morto in un attentato terroristico a Parigi il 20 aprile del 2017, proprio il 20 aprile, giornata iniziale del Lovers2018, verrà proiettato il cortometraggio a lui dedicato, dal titolo “Xavier”.

Una rassegna, quella del 33° Lovers, ricca di generi diversi: dalla commedia, al dramma, al biopic, all’horror, al documentario. La sezione “Porn Lovers”, è dedicata invece al sesso; oltre alle proiezioni, ci sarà un evento, il 23 aprile, con protagonista Immanuel Casto, cantautore italiano e maestro del Porn Groove.

Non solo film: il Lovers è anche “educational”, con i suoi workshop e la masterclass di Robin Campillo; è serata letteraria, con tre libri di tre autori scelti dal Salone Internazionale del Libro di Torino, che verranno raccontati dalle voci degli allievi della Scuola del Teatro Stabile di Torino, orchestrate dai protagonisti del Torino Jazz Festival.

Molte le collaborazioni, oltre a quelle già citate, tra cui quella con l’Ordine degli Psicologi del Piemonte: anche quest’anno sarà possibile, per tutti gli psicologi iscritti all’Albo regionale, accedere agli eventi e proiezioni del Lovers2018 usufruendo di uno sconto sui biglietti, semplicemente presentando la tessera di iscrizione alle casse.

Lunedì 23 aprile, alle 22.30, un evento dedicato proprio a questa collaborazione, la proiezione del film “M/M”, evento al quale parteciperò in modo attivo. Mi troverete, però, come lo scorso anno, alla maggior parte delle proiezioni, per scegliere e raccontarvi il Lovers con sguardo psicocinefilo, grazie anche all’aiuto di una preziosa collaboratrice che mi aiuta a sostenere la piacevole fatica delle maratone cinematografiche, Laura Lambertucci.

Motivi ce ne sono molti per partecipare a questa interessante kermesse, quindi “save the dates”: dal 20 al 24 aprile 2018, Multisala Cinema Massimo. Non c’è nessuna ragione per non venire e molte per esserci.  

Laura Salvai

Psicologa, psicoterapeuta, sessuologa clinica e terapeuta EMDR. Fondatrice del gruppo Facebook "PSYCHOFILM" e proprietaria di questo sito. "Il cinema? Una grande passione da sempre, diventata con il tempo anche uno dei miei principali impegni professionali".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.