Sheep Hero Documentario

“Sheep Hero” è un pluripremiato film documentario del regista Ton Van Zantvoort che racconta la storia di Stijn, un pastore che vive insieme alla sua famiglia e a un gregge di 500 pecore nelle campagne olandesi.

La libertà, gli spazi aperti e la vita semplice sono la sua scelta esistenziale e il suo gregge di ovini è gestito nel modo più tradizionalista possibile.

Con lui lavorano alcuni volontari, tra cui Martin, un uomo che ha combattuto a lungo contro i suoi problemi di dipendenza e che proprio grazie al lavoro nella fattoria è riuscito a vincere la sua personale battaglia.

Il contatto con la natura e la vita quasi ascetica lo hanno aiutato enormemente nel suo faticoso percorso di rinascita.

È possibile, allora, che una delle più romantiche professioni del mondo, un lavoro sano e rilassante fatto di lunghe camminate su prati verdi, in compagnia di pecore e cani, nel quasi totale silenzio, diventi paradossalmente una fonte di stress e disequilibrio?

Stijn inizia a poco a poco a mostrare segni di irascibilità e disagio e a perdere i capelli. Il suo mondo silenzioso non ha più quiete perché la sua libertà è solo un’illusione e i suoi ideali tradizionalisti si scontrano inevitabilmente con quelli della cultura moderna.

Non basta isolarsi, vivere nella natura e scegliere una vita semplice per allontanarsi dalle cose del mondo, perché esistono comunque una società, delle leggi e delle regole economiche, oltre lo steccato.

Quando le entrate iniziano ad essere la metà delle uscite, quando i sussidi si riducono, i proprietari terrieri iniziano a create problemi, i grandi produttori sovrastano le piccole attività, poco importa se i pastori sono una importante eredità culturale: sono destinati a soccombere o a “seguire il gregge”, conformarsi.

Stijn ha scelto di seguire i suoi ideali, di realizzare il suo sogno, di vivere una vita creativa, che però è profondamente incerta.

La libertà si scontra con la necessità di sicurezza, il sogno si scontra con la realtà.

Quanto può durare l’illusione, per quanto tempo si può fuggire dall’innovazione, rifiutare le regole sociali ed economiche per rispettare i propri ideali?

E al contrario, quanto ci si può allontanare dai propri valori quando ci sono in gioco la sopravvivenza e il benessere psicologico?

Stijn continuerà a seguire il suo gregge oppure seguirà metaforicamente “il gregge”, conformandosi o cedendo alle leggi economiche e sociali?

La risposta la conoscerete se guarderete questo straordinario documentario, dalla eccezionale fotografia e splendida regia.

Lo potrete fare partecipando al prossimo Torino Underground Cinefest, di cui Psychofilm è media partner, perché “Sheep Hero” è uno dei lungometraggi in concorso.

Laura Salvai

Sono psicologa, psicoterapeuta a orientamento cognitivo-comportamentale, sessuologa clinica e terapeuta EMDR e ricevo a Pinerolo e Torino. Amo le storie e mi piace scriverle, leggerle, ascoltarle e raccontarle. Sono la fondatrice del gruppo Facebook "PSYCHOFILM" e la proprietaria di questo sito. Il cinema è per me una grande passione da sempre, diventata con il tempo anche uno dei miei principali impegni professionali.