Sorelle

La nuova rassegna di Psychofilm tratta un argomento tutto al femminile, per un tipo di relazione che racchiude in sé grandi significati e può essere risorsa o ostacolo, come tutte le relazioni.

Avere una o più sorelle è certamente diverso dal nascere figlie uniche. Si può trovare nell’altra la prima “pari” con cui confrontarsi, una persona più grande da imitare o in cui trovare protezione, una persona più piccola da accudire ed educare, una rivale, un’amica, qualcuno da cui prendere o non prendere esempio, qualcuno da invidiare o da cui essere invidiati, ecc.

A volte, si trova una sorella in un’amica, perché la fiducia, il legame indissolubile, la complicità, la condivisione di esperienze non è un fatto solo biologico.

Il cinema si è spesso occupato di raccontare storie di sorellanza, in modo leggero o drammatico, ma sempre interessante dal punto di vista psicologico. Abbiamo cercato insieme di raccogliere qualche esempio di questa importante relazione, così come è stata narrata dagli attori e dai personaggi animati dei film, senza la pretesa di essere esaustivi. Eccoli qui…..


I miei suggerimenti:


“27 volte in bianco”

“In her shoes”

“Il giardino delle vergini suicide”

“Che fine ha fatto baby Jane”?

“Il caso di Lizzie Borden”

“Piccole donne”

“Il pranzo di Babette”

“Orgoglio e pregiudizio”

“The sisters – Ogni famiglia ha i suoi segreti”

“L’enfer”

“Frozen, il regno di ghiaccio”

“Cenerentola”

“La custode di mia sorella”

“We are what we are”

“Melancholia”

“Analisi finale”

“La vita segreta delle api”

“Ti amerò sempre”

“Il matrimonio di mia sorella”

“Viaggio a Kandahar”

“Il colore viola”

“Aprimi il cuore”


I suggerimenti di Sonia Bertinat:


“Ragazze interrotte”

“Ragazze vincenti”

“Women (If These Walls Could Talk 2)”

“A proposito di donne”


I suggerimenti di Marinella Magnani:


“Thelma & Louise”

“Fiori d’acciaio”

“L’albero di Antonia”


I suggerimenti di Valentina Ortu:


I film delle gemelle Holsen: “Due gemelle nel pallone”, “Due gemelle a Parigi”, “Due gemelle in Australia”, “Una pazza giornata a New York”.


I suggerimenti di Giulia la Giuls Pontin:


“Amore & Incantesimi”

“Hocus Pocus”

“10 cose che odio di te”

“Otto donne e un mistero”

“Avviso di chiamata”

‘Hanna e le sue sorelle”

“Segreti”

“Ladies in Lavender”


Infine, Eleonora Mangano consiglia “Tutta colpa di Freud”.


Ricordo che per partecipare alle prossime rassegne e fornire i vostri spunti e contributi potete iscrivervi al mio gruppo Facebook PSYCHOFILM. Vi aspettiamo numerosi!

Laura Salvai

Psicologa, psicoterapeuta, sessuologa clinica e terapeuta EMDR. Fondatrice del gruppo Facebook "PSYCHOFILM" e proprietaria di questo sito. "Il cinema? Una grande passione da sempre, diventata con il tempo anche uno dei miei principali impegni professionali".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.